Scuola: do i numeri!

3, sono i bambini della famiglia che quest'anno accedono all'istituzione scolastica.
3, sono gli ordini e i gradi dell'istituzione scolastica con cui abbiamo a che fare (Asilo, Elementare e Media).
3, sono i giorni dall'inizio dell'anno scolastico.
203, sono i giorni che mancano alle prossime vacanze estive...

Già... la mia meta, il mio miraggio è l'estate!
Sono trascorsi 3 giorni dall'inizio della scuola, nemmeno tutti i figli piazzati (manca il piccolo che inizierà l'inserimento alla classe Primavera lunedì prossimo) ed io sono già stesa, con la gran voglia di alzare bandiera bianca e arrendermi!
45, sono i chilometri che faccio per portare 1 di loro a destinazione, per poi riprenderne 2
Sarebbero 75 se mio marito (bontà sua) non ne allungasse 1 fino alla meta.
6.15, l'ora dell'alzataccia.
2.30, le ore al dì trascorse in auto in qualità di tassista.
8, l'orario d'ingresso di entrambe, ma a 10 chilometri di distanza.
12, l'orario di uscita di entrambe, sempre a 10 chilometri di distanza.
50 km/h, il limite di velocità sulla provinciale che devo percorrere.
15, i chilometri che fa la mia auto con 1 litro.
1,80 €, il costo della benzina al litro.
Non avendo il dono dell'ubiquità, occorre avvalersi dell'aiuto di qualcuno.
Per fortuna noi mamme sappiamo essere generose e altruiste verso chi è più in difficoltà, perciò ne vengo a capo... in qualche modo.
Non sarà sempre così, verrà il giorno dell'orario definitivo, delle influenze a catena, dell'attività sportiva, dei compiti e delle riunioni... Lo sciopero del personale scolastico, poi quello del trasporto pubblico, poi, poi, poi...
In questo Bel Paese dove chi resta si lamenta e chi è stanco di lamentarsi se ne va, io che resto e non mi voglio solo lamentare, devo saper trovare un lato buono a fronte di tutta questa fatica! 
In effetti io sono fortunata: dalle mie parti per i residenti non esiste graduatoria, sono ammessi tutti, ovunque e a braccia aperte! Nella scuola dei miei figli c'è la carta igienica, gli edifici sono moderni e ben tenuti (uno è addirittura nuovo di pacca!), la mensa non è precotta e gli insegnanti sono veri insegnanti. All'occorrenza vige il pre e post scuola a prezzi assolutamente ragionevoli.
Tutto ciò dovrebbe essere la norma, invece è un lusso...
A fronte di questo ben di Dio, non mi resta che guidare! Io che ancora sono fortunata perché non ci devo pure incastrare gli impegni di lavoro.

Care Mamme e cari papà, buon inizio scuola a tutti!
Vi sono vicina, nei chilometri, le alzatacce e i libri da rifasciare. In coda all'ufficio postale per pagare il contributo volontario che volontario non è, in coda alla segreteria per ritirare un diario diventato obbligatorio, alla cassa per pagare il grembiule (e meno male che il grembiule c'è! Esso salverà dallo staccapanni un più cospicuo capitale di indumenti), i testi scolastici (alcuni dei quali non saranno mai neanche aperti), il materiale e le varie ed eventuali. 
Per chi comincia una rassicurazione: potrebbe essere perfino peggio e sarà sempre più impegnativo.
Prendiamola con filosofia, poi diventeranno grandi e mi dicono che arriveremo a rimpiangere tutto quanto...

Etichette: , ,